Questo sito è graficamente più gradevole se visto con un browser (Internet Explorer, Netscape, Opera ecc) che supporta gli standard web, anche se è accessibile con qualsiasi browser o dispositivo internet.

materiale di studio
logo Indire

Il Piano ISS

 

Le dimensioni caratterizzanti dei percorsi

foto

Sono qui elencate soltanto in modo schematico:

  1. verticalità (a breve, medio e lungo termine; sviluppata per ogni tema lungo “traiettorie” specifiche (percorsi didattici “locali”) in relazione ai gruppi, agli individui, alle condizioni ambientali, comunque inserite all’interno di “corridoi” (reti concettuali) generali e comuni; con particolare attenzione anche alla continuità – finora poco considerata – fra I Ciclo e Biennio conclusivo dell’obbligo);
  2. trasversalità (organizzatori concettuali unificanti fra discipline, non solo scientifiche; nuclei concettuali e operativi fondanti nelle discipline);
  3. laboratorialità (dimensione sperimentale come elemento indispensabile al capire nella trasmissione culturale a scuola);
  4. modellizzazione (strategia cognitiva di base, comune a tutte le discipline scientifiche);
  5. contestualità (dal quotidiano al disciplinare al tecnologico);
  6. esemplarità (in relazione ai temi scelti per approfondire comprensione e motivazione nei “corridoi” e nelle “traiettorie”, sullo sfondo di grandi strutture concettuali di riferimento);
  7. complementarità fra le azioni formative di scuola ed extra-scuola;
  8. professionalità docente nelle dimensioni di mediazione attiva e cooperazione (orizzontale e verticale, fra adulti e ragazzi, in presenza e a distanza);
  9. complementarità e sinergia (a tutti i livelli) fra “obiettivi di apprendimento” (sapere che…) e “traguardi di competenza” (sapere come…).

Questi punti caratterizzanti del Piano appaiono solo in parte esplicitati nelle ‘Indicazioni’ per il curricolo o, comunque, ciò che è presentato in quel testo al proposito richiede un ulteriore livello di approfondimento per divenire completamente efficace. Le esperienze sviluppate nel lavoro sul campo di ISS convergono, tuttavia, con gli obiettivi delineati dalle ‘Indicazioni’: per questo si è fatto in modo che l’esperienza ISS fosse rappresentata all’interno delle discussioni del Seminario nazionale di Napoli, già menzionato, e – in ISS – si è dato come riferimento per l’attività richiesta a tutor e presìdi di confrontarsi esplicitamente con le ‘Indicazioni’ (vedi "Un po’ di storia: lo sviluppo del Piano").

 

 

 

 

 

 

Agenzia Scuola © 2009