Questo sito č graficamente pių gradevole se visto con un browser (Internet Explorer, Netscape, Opera ecc) che supporta gli standard web, anche se č accessibile con qualsiasi browser o dispositivo internet.

materiale di studio
logo Indire

Leggere l'ambiente

 

Un'uscita sul campo: realizzazione di un transetto

 

La realizzazione di un transetto in ambiente terrestre1 in un’uscita  sul campo  risulta didatticamente molto utile, una modalità privilegiata per sostenere e completare la comprensione di una rete di concetti... Il concetto di relazione tra gli esseri viventi e l’ambiente in cui vivono viene acquisito in maniera quasi automatica e osservare la vegetazione ripariale con i pioppi e poco dopo, in un’altra zona, la vegetazione pioniera su ghiaione, rende chiaro il concetto di fattori limitanti  e di adattamenti specifici ad un determinato ambiente.

Seguiamo alcuni momenti di ricerca azione  in un’uscita naturalistica in Val Rosandra, parco naturale vicino a Trieste.

 

Sui ghiaioni vive Drypis spinosa sottospecie jacquiniana.
immagine

“…….INS.“Vedete questa pianta spinosa?”
ALL.“Vive proprio nei sassi…non c’e suolo?”
INS.“Le radici come saranno?”
ALL:“Lunghe, per andare a cercare il suolo e anche l’acqua.”
INS.“Siete sicuri che sotto c’è suolo?”
ALL.“Mah, non so, bisognerebbe scavare...”
Però i ragazzi che hanno avuto la consegna di occuparsi del suolo dicono:“Noi abbiamo notato che di solito il suolo si trova sopra e non sotto: sotto ci sono le rocce! Forse però è stato ricoperto dalla ghiaia…”
Suolo ed acqua destano interesse. Poco più in là sotto un gruppo di alberi bassi vediamo che cresce l’erba e c’è il suolo, “c’è dell’humus”, dice qualcuno.

 

immagine
 In primo piano il boschetto, più lontano il ghiaione


L’insegnante dice agli allievi che la Drypis è una pianta endemica, ossia con un limitato areale di distribuzione…
ALL.“Cosa significa areale di distribuzione?”
INS..“Ogni specie riesce a vivere in una determinata area geografica, alcune specie in un’area molto ampia, alcune in un’area ristretta. Queste ultime, le specie endemiche, sono spesso protette.”
Il discutere di specie e di ambienti porta il discorso sulla biodiversità, di cui si potrà parlare poi ampiamente in classe, tenendo presente che essa va considerata a tre livelli: biodiversità di specie, biodiversità di ambienti e biodiversità genetica.

 

Note

1 Sul sito ANISN .it http://www.anisn.it/leggi_news.php?id=606 è riportato un repertorio di attività su come procedere nell’insegnamento delle Scienze Naturali  nella  scuola secondaria a cura di Eva Godini, docente della Scuola Secondaria Superiore

 


Agenzia Scuola © 2009